Facebook e il controllo delle chat


Facebook

Un “algoritmo in grado di identificare e prevenire possibili reati in base alle parole che vengono scambiate”. Facebook sta monitorando la propria chat, alimentando nuovamente le polemiche sulla privacy, soprattutto negli Stati Uniti.

L’algoritmo in questione sarebbe studiato in modo da “identificare un possibile messaggio criminale o eventuali piani per attentati alla sicurezza pubblica”. Il social network ha fatto sapere che le chat saranno consegnate ai tribunali e alle forze dell’ordine che ne fanno richiesta solo sulla base di reale necessita’ e consistenza degli indizi.

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.


Copyright 2011-2016 Media Lives S.r.l. | Privacy Policy - Per la pubblicita' su questo sito clicca qui
Tutto il materiale presente nel sito e' protetto dal diritto d'autore. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione anche parziale.
Aggiornamento ad intervalli irregolari, ai sensi del decreto 62/2001. Provider: HostGator LLC

Tutti i contenuti di Weeky.it sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License".

Tutti i contenuti di Weeky possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre weeky.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.weeky.it oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Weeky.it possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@weeky.it. Weeky.it non e' responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, della qualita' o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facolta' di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume. Eventuali segnalazioni possono essere inviate a info@weeky.it.